Your browser does not support JavaScript!


La seconda generazione di Ducato - tipo 230 e tipo 244

 I lavori sulla seconda generazione di Fiat Ducato iniziarono già nel 1987. Giorgetto Giugiaro di Ital Design era responsabile del design della carrozzeria. Il nuovo Ducato doveva essere una svolta nel campo dell'aerodinamica dei veicoli commerciali, grazie alla riduzione ottimale (a quel tempo) della resistenza dell'aria. Il fronte aerodinamico della seconda generazione di Ducato ha contribuito al risultato di Cx = 0,35, che era il miglior risultato tra i furgoni europei a quel tempo. Il vecchio stile fu completamente abbandonato, seguendo il passare del tempo. Il nome interno funzionante del nuovo veicolo era il termine Tipo 230.

La seconda generazione di Ducato fu presentata per la prima volta nel marzo 1994 alla Fiera di Ginevra. Un anno dopo, il furgone italiano ha vinto il primo posto nel prestigioso concorso Van Of The Year. Alcune soluzioni di design che hanno funzionato nella generazione precedente sono state mantenute. Decisero di utilizzare la trazione anteriore e di posizionare il motore trasversalmente. La sospensione anteriore è basata su McPhersons, mentre quella posteriore ha un asse rigido su molle paraboliche. L'obiettivo era, tuttavia, quello di creare molte varianti del corpo con diverse lunghezze, altezze e pochi tipi di passi. Invece di sviluppare Fiat Tolento, fu semplicemente deciso di creare una versione più piccola e compatta del Ducato II con una lunghezza di 4521-5681 mm e un passo di 2850-3700 mm. La Fiat Ducato II doveva essere più moderna, aerodinamica e adattata alle esigenze della più ampia gamma di clienti. Le più comuni erano le versioni con motori diesel 1.9D. All'inizio era disponibile solo una versione del motore a benzina da 109 CV. Nel settembre 2000, la produzione della Fiat Ducato II è iniziata a Sete Lagoas, in Brasile.

Nel 2002, la Fiat Ducato è stata modernizzata. Oltre al restyling della carrozzeria, sono stati cambiati anche l'interno del veicolo e la gamma di motori disponibili. Era anche la prima versione Ducato disponibile con un 4x4 nella versione di fabbrica. Inoltre, è stata sviluppata la gamma di motori a benzina. Erano ancora unità da due litri, ma furono introdotte versioni alimentate a GNC (97 CV) e GPL (109 CV). La designazione interna del furgone rinnovato era di tipo 244. I cambiamenti furono così grandi che molte persone considerarono la versione rinnovata come una generazione completamente nuova del furgone della Fiat. Gli elementi più importanti del veicolo, come il cambio, provengono dal Tipo 230. Ma questi cambiamenti sono considerati solo come lifting. Tutte le unità diesel che alimentavano il Ducato II erano dotate di iniezione Common Rail. Ciò ha un impatto sul livello di riduzione della combustione e sull'aumento della potenza del motore. L'unità più potente ha generato 146 CV. Il 15 dicembre 2005, la società ha annunciato la produzione del 3 milionesimo Fiat Ducato. Questo risultato ha contribuito all'aumento della produzione di 9 veicoli al giorno. Vale la pena ricordare che la versione post-lifting di Ducato II ha avuto una tale popolarità in Brasile che è stata prodotta fino al 2018. Ciò è stato possibile perché non c'erano restrizioni sulle emissioni in Sud America.

<- Ritorna alla storia Fiat Ducato I Leggi il prossimo Fiat Ducato III ->
 
Usa parole chiave per cercare il prodotto desiderato.
Ricerca avanzata